#TwPinocchio, un libro larghissimo


PicMonkey CollageNessun libro finisce; i libri non sono lunghi, sono larghi. ( G. Manganelli). Così l’autore del libro parallelo definisce il testo di Collodi e sono parole veritiere. In occasione della riscrittura su Twitter di #TwPinocchio a cura di @TwLetteratura, ho potuto constatare quanto effettivamente il libro sul burattino più famoso del mondo si offra a una molteplicità di letture e scritture: più ci addentra nel testo in profondità, più si schiudono strade parallele, ogni evento è un crocevia di percorsi che si intersecano, coinvolgendo così il lettore in un ruolo attivo nel bel mezzo di una trama dall’intelaiatura complessa e infinita perchè capace di proseguire oltre le pagine del testo stesso. Ciò si è concretizzato in alcune esperienze pratiche come la visione delle varie riscritture filmiche di Pinocchio, la partecipazione a una mostra di volumi sul libro di Collodi, l’incursione Pucciniana ne contest di @Svogimento, la riscrittura di “Pinocchio il furbo” di Rodari. Ho compreso  tutto ciò sia come lettrice che come insegnante, visto che le classi in cui insegno ( terze elementari della scuola primari “Tomei” di Torre del Lago Puccini @terzetomei) hanno partecipato al progetto. Come lettrice ho percorso una strada di rilettura del testo molto intima, giocata essenzialmente sul piano linguistico da un lato e introspettivo dall’altro. Come insegnante sono rimasta molto colpita da come il linguaggio e la storia, talvolta “antichi e crudeli”, siano capaci di arrivare in maniera comprensibile ai nostri ragazzi, toccando corde emotive e intelletive importanti. Con i bambini l’esperienza più significativa è stata quella di vedere nel trascorrere dei capitoli e delle settimane, l’apprendimento di un metodo. Coinvolgerli e vederli sempre più appassionati grazie a un metodo innovativo e prezioso per tutti i livelli di alunni, sia per coloro che necessitano di “recupero” per difficoltà, sia per quelli che hanno avuto l’opportunità di sviluppare il proprio potenziale in modo creativo. E’ bastato ciò a innescare un profondo spirito motivazionale. Pertanto #TwPInocchio per molti di loro è risultato essere non solo un’attività didattica, ma anche una passione e una curiosità in crescita. L’approccio con il metodo di “lettura, studio del testo, riscrittura condivisione” è stato strategico: attraverso la condivisione i bambini si sentono protagonisti assoluti del loro stesso percorso, tra l’altro con le stesse famiglie che via twitter hanno la possibilità di seguire lo sviluppo di in itinerario e non solo il “lavoro finale”. A distanza di settimane, sto verificando che ciò che resta di questa esperienza, oltre alla conoscenza del testo di Pinocchio di cui abbiamo fatto la lettura integrale, è indubbiamente la capacità critica nell’approcciarsi a un qualsiasi argomento, per sviluppare così il pensiero divergente, ovviamente rapportato all’età anagrafica dei ragazzi. Inoltre un percorso di questo tipo rimette in discussione continuamente il nostro ruolo di insegnanti, sia a livello i organizzazione dei contenuti, dello spazio classe che è anche modalità operativa dell’apprendimento e dell’affettività, che nella sfida di coniugare gli obiettivi prefissati con le sollecitazioni spontanee dei ragazzi. Inoltre ci mettiamo in gioco come istituzione: la quarta parete dell’aula è di fatto una finestra aperta, dove il contatto con altre scuole, insegnanti, lettori, genitori e realtà locali vicine e lontane amplificano la realtà e il confrontoCredo che su questa ricchezza che abbiamo iniziato a sviluppare con #TwPinocchio ci sia da lavorare in prospettiva. Inoltre, il metodo continua ad essere applicato a livello grafico-pittorico, in una sorta di “riscrittura” per immagini dietro alle quali però c’è la conoscenza di autori e tecniche famose, sia per gli illustratori classici di Pinocchio che per le correnti d’arte contemporanea in cui accanto a un approccio conoscitivo delle opere si rielabora in maniera personale sperimentando modalità e materiali tenendo presente il testo. Un’avventura senza fine, di cui intanto condivido alcuni elementi.

Film e libri

#TwPinocchio, dai 140 caratteri ai 35 mm ( riflessioni sulla visione comparata dei film)

Pinocchio, un libro parallelo

Le raccolte dei tweet

I miei tweet > http://beta.trytweetbook.com/book/103966

I TweetBook della classe:

Pinocchio a raccolta> http://beta.trytweetbook.com/book/103812

Aspettando #TwPinocchio> http://beta.trytweetbook.com/book/103811

ABC Book> http://beta.trytweetbook.com/book/103975

#TwPinocchio/10>http://beta.trytweetbook.com/book/104131

#TwPinocchio/30> http://beta.trytweetbook.com/book/104257

Il nostro #TwPinocchio> http://beta.trytweetbook.com/book/103974

#TwPinocchio/Furbo>http://beta.trytweetbook.com/book/104295

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *