“Ogni settimana sono inseguita dai tedeschi”


Fonte: https://www.versiliatoday.it/2017/01/27/settimana-inseguita-dai-tedeschi/

In occasione del giorno della memoria al teatro Politeama è stato proposto per le scuole lo spettacolo “70+2 nella mano la memoria” scritto e diretto dal bravissimo Davide Moretti e interpretato dagli affermati allievi dell’accedemia “Teatro Rumore”. Ben 1400 alunni delle scuole della Versilia, dalla primaria alle superiori, hanno assistito con partecipazione e coinvolgimento allo spettacolo. La rappresentazione, liberamente ispirata alla strage nazista di S. Anna di Stazzema, è stata introdotta dalla testimonianza preziosa e fondamentale di Adele Pardini che al momento dell’eccidio aveva quattro anni. Fucilata contro il muro insieme alle sorelle e alla madre, che cadendo aprì la porta permettendo a Adele di salvarsi.

La testimonianza della signora Pardini è stata densa di emozioni, una grande occasione per i giovani ascoltare direttamente dalle sue parole il dolore e lo strazio della strage. “Ogni settimana scappo dai tedeschi”, così ha affermato Adele Pardini per sottolineare come la memoria sia qualcosa di terrificante visto che l’incubo di quei giorni persiste. Adele con lo stesso vigore ha sottolineato come la memoria sia necessaria.

I giovani spettatori hanno ascoltato con partecipazione il suo racconto. Lo spettacolo che è seguito è stata un’ importante occasione per le classi per conoscere, attraverso il linguaggio mediato del teatro, il contesto storico della Resistenza, del nazismo, la rabbia e il dolore di quell’umanità che ha pagato con la vita quei terribili giorni.

Lo spettacolo, curato nella recitazione, audace nell’allestimento per la compenetrazione di toni e generi diversi grazie a un’accuratissima regia in cui ogni dettaglio dallo spazio scenico alla musica è finalizzato al coinvolgimento emotivo e alla consapevolezza storica sempre attuale. Un’idea di memoria da conoscere, capire, trasmettere e difendere. Una preziosa opportunità per le classi partecipanti che confermano “Teatro rumore” come una realtà culturale importantissima capace di commuovere e smuovere le coscienze.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *